NEURAXPHARM S.p.A Via Piceno Aprutina, 47 - 63100 Ascoli Piceno (AP) Tel. +39 0736 980619 Contatti

PERIODICO DI DIVULGAZIONE SCIENTIFICA A DIFFUSIONE GRATUITA

Numero 2 Novembre 2017

Dolore cronico e neuropatico

Effetti della somministrazione di un’associazione fissa di PEA ed estratti vegetali sulla neuropatia diabetica periferica in pazienti affetti da diabete di tipo II.

Roberta Semprini

ACISMOM CD Camillo Negro-Roma

l diabete mellito (DM) è una patologia cronica e progressiva caratterizzata da un deterioramento della funzione beta cellulare del pancreas endocrino associata ad una quota variabile di insulino-resistenza ed all’ipersecrezione di glucagone. L’iperglicemia cronica, naturale conseguenza del DM, è causa di complicanze macrovascolari, quali le patologie a carico del sistema cardiovascolare e di complicanze microvascolari come la nefropatia, la retinopatia, e la neuropatia (Stratton, et al; BMJ 2000). Le complicanze neurologiche causate dal DM sono principalmente a carico del Sistema Nervoso Periferico (SNP). Sono rappresentate da neuropatie che interessano sia la componente somatica (fibre mieliniche e mieliniche) che quella autonomica del nervo con fenomeni degenerativi di tipo “dying-back” (Khan et al., Lancet. 2014). La patogenesi della neuropatia diabetica è multifattoriale, provocata sia da alterazioni della microcircolazione dei vasa nervorum, che da effetti neurotossici del mioinositolo e prodotti della degradazione dell’ossigeno (ROS). Tali meccanismi sono responsabili sia del danno assonale e mielinico delle fibre nervose che della genesi del dolore tipico di tale condizione. Tra le forme più diffuse ricordiamo la polineuropatia sensitivo-motoria simmetrica distale lunghezza-dipendente (DSPN), caratterizzata dalla presenza di disestesie dolorose prevalentemente a carico degli arti inferiori, ipoestesia a “calza o guanto, crampi, ipostenia,”.

La diagnosi si basa sui sintomi descritti dal paziente e sul riscontro strumentale attraverso l’esame elettroneurografico (ENG), che consente di confermare la diagnosi clinica e valutare il grado di compromissione del SNP. In modelli di laboratorio è stato recentemente dimostrato che alcune sostanze presenti in natura hanno un notevole effetto antiinfiammatorio e neuroprotettivo sul SNP. Prodotti quali la Commiphora Myrrha (Guo et al., J. Mol Neurosci.2014), l’acido carnosico (Di Cesare Mannelli et al. Sci. Rep.2016), il beta-cariofillene estratto dal Piper Nigrum (Gertsch J et al., PNAS 2008) e Palmitoiletanolamide (PEA) (Darmiani et al; Neuropharm. 2005) sono infatti in grado di interferire sui meccanismi dell’infiammazione e della modulazione del dolore con efficacia inaspettata. Sull’onda di tali descrizioni in questo studio è stato valutata l’efficacia dell’associazione di tali sostanze sulla neuropatia diabetica prevalentemente dolorosa.

In tal senso è stato valutato l’effetto della somministrazione di NOXIALL®, prodotto contenete un’associazione di PEA, Commiphora Myrrha, Rosmarinus Officinalis e Piper Nigrum, sul dolore neuropatico in una popolazione di pazienti con DM tipo II con DSPN. Lo studio prevedeva una doppia valutazione sia clinica, attraverso la somministrazione della Michigan Neuropathy Screening Instrument (MNSI) (Herman et al, Diabet. Med. 2012) e della VAS score scale (Haefeli et al.,Eur Spine J.2006) che strumentale, attraverso la registrazione di parametri neurofisiologici quali latenza, ampiezza e velocità di conduzione del nervo periferico. Sono stati reclutati 16 pazienti affetti da DM tipo II affetti da DSPN lieve con sintomatologia dolorosa, diagnosticata mediante ENG. I criteri di inclusione sono stati: presenza di DM tipo II, in terapia con ipoglicemizzanti orali, in buon compenso metabolico; età compresa tra 45-70 anni; appartenenza ad entrambi i sessi. I criteri di esclusione sono stati: DM di tipo I; insufficienza renale cronica; insufficienza epatica; pancreatite cronica; grave patologia cardiovascolare. I pazienti sono stati sottoposti ad esame ENG effettuato con elettrodi di superficie, con apparecchio elettromiografico Micromed, sui tratti nervosi Sciatico Popliteo Esterno, Surale. Sono stati valutati i parametri di latenza, ampiezza e velocità dei tratti nervosi suddetti. I pazienti sono stati esaminati al baseline e dopo 4 mesi di somministrazione di NOXIALL® 1 cpr/die.

L’età media del campione era di 68,6 anni, con 10,6 anni di malattia in media. I risultati della somministrazione di NOXIALL® hanno mostrato una variazione tra il baseline e i 4 mesi statisticamente significativa (p< 0,005) sia della VAS che della MNSI score scale con netto miglioramento del sintomo dolore. L’esame ENG ha evidenziato inaspettatamente variazioni statisticamente significative (p<0,005) con miglioramento sia della velocità di conduzione sensitiva che dall’ampiezza dei nervi surali dei pazienti registrati, tornati a valori di norma.

In conclusione, la somministrazione di NOXIALL® in pazienti affetti da DM tipo II con neuropatia dolorosa ha dimostrato notevole efficacia clinica nel trattamento del dolore, con remissione del sintomo e in più ha dimostrato effetto neuroprotettivo come valutato con la registrazione neurofisiologica.

  • Stratton IM, Adler AI, Neil HA, Matthews DR, Manley SE, Cull CA, Hadden D, Turner RC, Holman RR. Association of glycaemia with macrovascular and microvascular complications of type 2 diabetes (UKPDS 35): prospective observational study. BMJ. 2000 Aug 12;321(7258):405-12. PubMed PMID: 10938048; PubMed Central PMCID: PMC27454.
  • Kahn SE, Cooper ME, Del Prato S. Pathophysiology and treatment of type 2 diabetes: perspectives on the past, present, and future. Lancet. 2014 Mar 22;383(9922):1068-83. doi: 10.1016/S0140-6736(13)62154-6. Epub 2013 Dec 3. Review. PubMed PMID: 24315620; PubMed Central PMCID: PMC4226760.
  • Guo K, Mou X, Huang J, Xiong N, Li H. Trans-caryophyllene suppresses hypoxia-induced neuroinflammatory responses by inhibiting NF-κB activation in microglia. J Mol Neurosci. 2014 Sep;54(1):41-8. doi: 10.1007/s12031-014-0243-5. Epub 2014 Feb 4. PubMed PMID: 24488604.
  • Dolara P, Luceri C, Ghelardini C, Monserrat C, Aiolli S, Luceri F, Lodovici M, Menichetti S, Romanelli MN. Analgesic effects of myrrh. Nature. 1996 Jan 4;379(6560):29. PubMed PMID: 8538737.
  • Di Cesare Mannelli L, Micheli L, Maresca M, Cravotto G, Bellumori M, Innocenti M, Mulinacci N, Ghelardini C. Anti-neuropathic effects of Rosmarinus officinalis  L. terpenoid fraction: relevance of nicotinic receptors. Sci Rep. 2016 Oct 7;6:34832. doi: 10.1038/srep34832. PubMed PMID: 27713514; PubMed Central PMCID: PMC5054390.
  • Jürg Gertsch, Marco Leonti, Stefan Raduner, Ildiko Racz, Jian-Zhong Chen, Xiang-Qun Xie, Karl-Heinz Altmann, Meliha Karsak, Andreas Zimmer. Beta-caryophyllene is a dietary cannabinoid. Proceedings of the National Academy of Sciences Jul 2008, 105 (26) 9099-9104; DOI: 10.1073/pnas.0803601105
  • Darmani NA, Izzo AA, Degenhardt B, Valenti M, Scaglione G, Capasso R, Sorrentini I, Di Marzo V. Involvement of the cannabimimetic compound, N-palmitoyl- ethanolamine, in inflammatory and neuropathic conditions: review of the available pre-clinical data, and first human studies. Neuropharmacology. 2005 Jun;48(8):1154-63. Review. PubMed PMID: 15910891.
  • Herman WH, Pop-Busui R, Braffett BH, Martin CL, Cleary PA, Albers JW, Feldman  EL; DCCT/EDIC Research Group. Use of the Michigan Neuropathy Screening Instrument as a measure of distal symmetrical peripheral neuropathy in Type 1 diabetes: results from the Diabetes Control and Complications Trial/Epidemiology of Diabetes Interventions and Complications. Diabet Med. 2012 Jul;29(7):937-44. doi:  10.1111/j.1464-5491.2012.03644.x. PubMed PMID: 22417277; PubMed Central PMCID: PMC3641573
  • Haefeli M, Elfering A. Pain assessment. Eur Spine J. 2006 Jan;15 Suppl 1:S17-24. Epub 2005 Dec 1. Review. PubMed PMID: 16320034; PubMed Central PMCID: PMC3454549.
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK